<bgsound src="include/cooking_bossa.mp3" loop="infinite">

La Cucina di Romeo

L'arte del Mangiar Bene


Antipasti
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
Insalate e Contorni
Primi Piatti Salse e Condimenti
Secondi Piatti Dolci
Piatti Unici Curiosità
  Link utili  




Le Mame (Bonei) D'Alpago

Regione Veneto – Direzione Produzioni Agroalimentari

 

PRODOTTI AGROALIMENTARI TRADIZIONALI

 

(D.Lgs. 30 aprile 1998, n.173)

 

Scheda identificativa

 

1. Categoria

Prodotti vegetali allo stato naturale o trasformati.

2.

Nome del prodotto, compresi sinonimi e termini dialettali

Mame d’Alpago (mame, bonei)

3.

Territorio interessato alla produzione (specificare i singoli Comuni)

Le Mame d’Alpago, sono coltivate nella area compresa nel territorio della Comunità Montana

dell’Alpago e precisamente nei Comuni di Puos, D’Alpago, Farra d’Alpago, Chies d’Alpago, Pieve

d’Alpago e Tambre d’Alpago.

 

4.

Descrizione sintetica del prodotto (indicando le materie prime impiegate)

Le Mame d’Alpago sono un agro-ecotipo di fagiolo (Phaseolus vulgaris) a consumo prevalente

sottoforma di granella secca.. Caratteristica distintiva di questo ecotipo è la colorazione nocciola chiaro

uniforme dei semi e la forma evidentemente schiacciata oblunga-compressa. Tale agro-ecotipo è stato

accuratamente caratterizzato, dal punto di vista sia botanico che agronomico, attraverso vari studi condotti

dall’Istituto Agrario IPSAA di Feltre e, nell’anno 2001, anche dall’Istituto del Germoplasma del CNR di

Bari.

Le principali caratteristiche botaniche dell’ecotipo (IBPGR - FAO) sono le seguenti:

 

 

pianta annuale, rampicante;

apparato radicale fittonante; germinazione epigea;

fusto di altezza media di circa 250 cm, accrescimento indeterminato, mediamente con 4-5 branche

per pianta;

abito di crescita indeterminato con abilita’ rampicante e baccelli distribuiti uniformemente sulla

pianta, accrescimento sinistrorso, abbisogna di sostegni;

foglie composte pennato-trifogliate, margine intero, color verde intenso;

infiorescenza in racemo, ascellare, di colore bianco;

baccello classico a due valve, omogeneamente distribuito sulla pianta, di colore verde allo stato

fresco e giallo-ocra-nocciola allo stato secco, a forma di pera, moderatamente arcuato e di lunghezza

di circa 14 cm;

semi mesospermi, con peso di circa 0,65 g, sono presenti mediamente 6 semi per baccello, di forma

schiacciata oblunga-compressa, colore biancastro-nocciola chiaro uniforme, ilo convesso bianco

aureolato di rosso;

Tra i parametri correlati alle caratteristiche culinarie, è riconosciuto il sapore delicato e raffinato, l’elevata e

spiccata digeribilità e l’ottima attitudine ad essere utilizzato in deliziose creme di fagioli.

Tali proprietà sono da imputarsi anche alle ottime caratteristiche della buccia, estremamente fine.

L’omogeneità di imbibizione del seme prima della cottura, il tempo di cottura ridotto, la conservazione

dell’integrità del seme dopo cottura e la bassa percentuale di tegumento giustificano il tradizionale ottimo

giudizio dato dai consumatori e dai cuochi.

Tale ecotipo è stato riconosciuto meritevole, da parte dell’Istituto del Germoplasma del C.N.R. di Bari, di

analisi e approfondimenti tecnici. Risulta incluso, con il nome di “mame” nel sito relativo

 

 

 

 

 

 



Altre curiosità